Reggio Emilia: Fondazione i Teatri - RIPARTE


Giovedì 20 maggio 2021, ore 19.30 - Rafal Blechacz, pianoforte.


Rafal Blechacz è considerato il miglior interprete di Chopin della sua generazione.

  • J.S. Bach, Partita n. 2 in do minore, BWV 826

  • L. v.Beethoven, 32 Variazioni su un tema originale in do minore per pianoforte, WoO 80

  • C. Franck, Prélude, fugue et variation in si minore, Op. 18

  • F. Chopin, Sonata n. 3 in si minore, Op. 58

Rafal Blechacz nel 2005 ha vinto tutti i premi del prestigioso Concorso Internazionale Frédéric Chopin (XV edizione). Da allora il giovane pianista polacco si è imposto sulla scena concertistica internazionale, acclamato dal pubblico e dalla critica per le sue profonde e poetiche interpretazioni.

Vincitore del Gilmore Artist Award nel 2014, è invitato nei luoghi più prestigiosi come il Concertgebouw di Amsterdam, il Musikverein di Vienna, la Philharmonie di Berlino, Alte Oper di Francoforte, l’Herkulessaal di Monaco, la Salle Pleyel di Parigi, la Royal Festival Hall così come la Wigmore Hall di Londra, la Tonhalle di Zurigo. Suona regolarmente nei migliori festival musicali come Salisburgo, Verbier, la Roque-d’Anthéron, il Klavier-Festival e il Gilmore Festival negli USA.

Collabora con numerose orchestre sinfoniche e con direttori direttori eccezionali come Charles Dutoit, Valery Gergiev, Daniel Harding, Pavo Järvi, Fabio Luisi, Kent Nagano, Andris Nelsons, Victor Pablo Perez, Trevor Pinnock, Mikhail Pletnev, Jerzy Semkow, Antoni Wit e Dawid Zinman.

È artista esclusivo della Deutsche Grammophone. Il primo CD, con i Preludi di Chopin, ha vinto il Platinum Record in Polonia, l’ECHO Klassik in Germania e il Diapason D’or in Francia. L’incisione dei Concerti di Chopin con l’Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam, diretta da Jerzy Semkov, ha ricevuto il “Preis der Deutschen Schallplattenkritik”. Nel 2012, il CD di Debussy e quello di Szymanowski sono stati nominati “Recording of the Month” dalla rivista Gramophone e “Solo Recording of the Year” dall’ECHO Klassik. A questi successi, hanno fatto seguito la raccolta delle Polacche di Chopin (2013) e un CD dedicato ai lavori di Bach (2017).

Ha inciso due dischi con la violinista Kim Bomsori, il primo dedicato a Debussy, Fauré, Szymanowski e il secondo pubblicato recentemente “Musical Moments “, Consolation n.3 di Liszt.

Nato nel 1985, ha iniziato a studiare pianoforte all’età di cinque anni, continuando poi alla Artur Rubinstein State School of Music di Bydgoszcz; nel 2007 si è diplomato alla Feliks Nowowiejski Academy of Music di Bydgoszcz, nella classe di pianoforte di Katarzyna Popowa-Zydroń. Nel 2010 ha ricevuto il Premio Internazionale Accademia Musicale Chigiana. Stagione 2021/22

da www.iteatri.re.it




Post in evidenza